Dal prossimo 1° luglio le micro-car (le “macchinette” che si guidano senza patente) dovranno pagare il permesso per entrare nelle Ztl in centro storico, a Trastevere e a San Lorenzo.
Lo stabilisce una delibera del commissario straordinario del Comune Morcone, proposta dal sub-commissario Stancanelli. È un passo in più per limitare l’uso del mezzo privato in centro e sulle aree ‘calde’ del traffico romano.
Le micro-car, dato il minore ingombro, pagheranno il 20 per cento in meno rispetto alla tariffa piena, quella delle normali autovetture. I residenti pagano, se il mezzo è posseduto come “prima auto”, la stessa cifra stabilita per l’autoveicolo “prima auto”: 55 euro per 5 anni. I permessi saranno rilasciati in base agli stessi requisiti finora previsti per l’accesso alle Ztl.
Le “macchinette” autorizzate, inoltre, dovranno parcheggiare negli spazi destinati alle automobili, e non potranno più occupare quelli per i motoveicoli.
A breve il tutto – importo da pagare, moduli di richiesta – sarà pubblicato sul sito www.atac.roma.it. Da quel momento i proprietari di micro-car avranno 90 giorni di tempo per fare richiesta di permesso all’Atac (che rilascia i permessi Ztl), in tempo per il 1° luglio.
Le nuove regole per le micro-car, sottolinea il Campidoglio, sono comprese nel “Testo unico sulle zone a traffico limitato” di prossima emanazione.

Fonte: www.comune.roma.it