aereo in voloDopo la risoluzione del Parlamento europeo del 15 dicembre 2005,  il 9 giugno scorso il Regolamento per i diritti delle persone con disabilità nel trasporto aereo è  stato adottato anche dal Consiglio dei ministri dei Trasporti dei 25 stati membri dell’Unione europea.
Esso è frutto di una lunga discussione tra Parlamento, Consiglio e Commissione, alla quale hanno partecipato attivamente le associazioni europee dei disabili. L’applicazione del Regolamento sarà effettiva però solo due anni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, ad eccezione degli articoli che sanciscono il divieto di rifiutare il trasporto, che si applicheranno un anno dopo.
Tra le molte reazioni, perlopiù positive, qualche scontento hanno mostrato le agenzie di viaggio che, in un’interrogazione alla Commissione europea chiedono perché “devono essere ritenute responsabili del rimborso o del reindirizzamento di passeggeri in specifiche circostanze su cui non hanno alcun controllo”.
Ricordiamo che questo regolamento specifico per le persone a mobilità ridotta arriva dopo che nel 2005 era entrato in vigore quello generale sui diritti dei passeggeri nei viaggi aerei.
Su internet: Diritti delle persone con disabilità e delle persone a mobilità ridotta nel trasporto aereo, PE-CONS 3681/05, www.europarl.eu.int e register.consilium.europa.eu