Pagare la sosta entro le strisce blu è più semplice e comodo. Non ci sono monete metalliche nel portafogli? Il bar ha finito i ‘grattini’? Niente paura: basta un sms.

pagosostaAtac S.p.a., in collaborazione con il gruppo Ribes Informatica, lancia “Pagososta”, nuovo sistema che consente il pagamento del parcheggio tramite sms, via Internet o con chiamata telefonica. Per usare il servizio ci si deve iscrivere, al contact center Atac o via web sul sito www.atac.roma.it. L’attivazione sarà comunicata all’utente con un sms e un’e-mail, inviati ai recapiti forniti durante la registrazione. Fatta l’iscrizione, dal sito di Atac si potrà accedere all’area riservata e gestire la propria utenza, verificando tempi e costi delle soste.

Possibile la scelta tra due profili tariffari differenti: “Base” e “Avanzato”. Il primo abilita una sola targa abbinabile a più numeri di cellulare; con il secondo, invece, si possono abilitare più targhe collegate a più numeri di cellulare. Un optional, inoltre, permette di ricevere un sms di avviso della scadenza della sosta.

Il profilo avanzato è stato pensato soprattutto per famiglie e aziende: le famiglie che hanno più di un’automobile possono così gestire, con uno o più cellulari, le soste delle diverse vetture; le aziende, invece, possono creare varie utenze collegate alle vetture e ai telefonini aziendali dei dipendenti – gestendo a livello centrale l’aspetto amministrativo e verificando le soste effettuate -.

“Pagososta” non si ferma al pagamento del parcheggio: l’utente può ad esempio richiedere l’invio di sms che gli ricordino quanto manca alla fine della sosta pagata (l’utente paga l’sms di richiesta – in base alle normali tariffe – più 0,9 centesimi per la risposta ricevuta).

Il pagamento della sosta può essere eseguito con carta di credito oppure con addebito su conto corrente bancario tramite RID (Rimessa Interbancaria Diretta). Ricevuto il pagamento, “Pagososta” elabora e invia gratuitamente ogni mese, all’indirizzo di posta elettronica di ciascun utente, la fattura con il dettaglio di tutte le soste effettuate. La fattura può arrivare anche per posta ordinaria, ma in questo caso si paga 1 euro a fattura.

Per usare “Pagososta”, l’utente deve ovviamente lasciare il proprio numero di cellulare, altrimenti il sistema non lo riconosce. Tutela del dato sensibile e rispetto della privacy sono garantiti da Ribes Informatica.

“Pagososta” migliora anche il servizio degli ausiliari del traffico che potranno, grazie ai nuovi palmari forniti da Atac, verificare in tempo reale la regolarità della sosta e dei permessi. In caso di mancato pagamento, o di tempo scaduto, la contravvenzione sarà trasmessa – pure in tempo reale – al sistema centrale, abbreviando i tempi e riducendo i margini di errore sulle multe.

Per saperne di più: numero verde Atac 800-431784 (dal lunedì al sabato, festivi esclusi, h. 8-20), contact center 06-57118333 (dal lunedì al venerdì h. 9-17), www.atac.roma.it.  

Fonte: comune.roma.it