Anche le persone con disabilità potranno ottenere la patente nautica per diporto. È questa la novità più vistosa contenuta nel Regolamento di attuazione del Codice della Nautica da Diporto, varato il 30 luglio dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli. Un provvedimento che si snoda in 94 articoli e che entrerà in vigore novanta giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
È in gran parte dedicato al capitolo sicurezza, con particolare attenzione a chi, con la barca, pratica immersioni e pesca subacquea, e per le unità da diporto impiegate in attività di noleggio che trasportino fino a 12 passeggeri, equipaggio escluso.
L’ istituzione della patente nautica per le persone con disabilità segna una ‘piccola rivoluzione’ nel mondo della nautica, consentendo di coltivare la passione del mare anche a chi, finora, non ne aveva avuto la possibilità. Nello specifico le persone con disabilità potranno ottenere l’abilitazione alla direzione nautica di imbarcazioni di lunghezza fino a 24 metri.
Il regolamento attua, infine, la semplificazione amministrativa del settore, attraverso l’abrogazione di numerose normative e lo snellimento dei procedimenti riguardanti, in particolare, il trasferimento d’ufficio, l’iscrizione e la cancellazione delle unità dai registri.
”Crediamo che il regolamento – ha affermato il ministro Matteoli – darà impulso al settore per rigenerarsi, svilupparsi, offrendo anche un contributo alla crescita delle imprese legate alla nautica diportistica”.

Fonte: Ministero dei Trasporti