“Questo spazio è riservato alla sosta delle persone con disabilità. Se lo occupi senza averne il diritto vai incontro a una sanzione di 80 euro e due punti in meno sulla patente”. Ma non è tutto: “In aggiunta – precisano i cartelli esposti accanto ai parcheggi riservati – il Comune ha disposto controlli fiscali a campione sui sanzionati”.
È partita ieri la caccia ai furbi che rubano i posti auto delle persone portatrici di handicap. Un “brutto vizio – l´avevano definito a inizio settembre i due assessorati competenti (Mobilità e Sicurezza) – che deve essere sanzionato duramente”. Esponendo chi sgarra a controlli fiscali da parte dell´Agenzia delle Entrate, oltre che alla multa e alla perdita dei punti.
Come promesso, l´amministrazione stringe le maglie su una delle più odiose infrazioni del codice della strada. Apparsi ieri i primi avvisi, nei prossimi giorni ne verranno montati a migliaia, sui cartelli che indicano ciascuno dei posti auto riservati ai disabili in città: 1.300 sono quelli assegnati a chi ne ha diritto di fronte a casa e 2.700 quelli in prossimità dei più frequentati servizi, dagli uffici pubblici alle stazioni. Lo spauracchio del controllo fiscale, sperano gli assessori, aiuterà a diminuire il numero delle violazioni riscontrate.
Il numero dei verbali per l´occupazione abusiva degli spazi riservati l´anno scorso si è attestato su 11.936 multe, 6.130 solo nei primi sei mesi del 2011.

Fonte: Press-In – La Repubblica, 25-10-11