“Tim Progetto Italia – Lo Spirito di Stella”, il primo catamarano al mondo a misura di disabile, è giunto nei giorni scorsi a Lanzarote (Canarie) concludendo brillantemente la prima delle tre tappe che lo porteranno a Miami. Il momento di ritornare in Florida comincia ad avvicinarsi sempre più per Andrea Stella che vuole con questa impresa chiudere il cerchio con la sorte ripresentandosi da protagonista nel luogo dove quattro anni fa subì la sanguinosa aggressione che lo portò a ricominciare la sua vita da una sedia a rotelle.

Dopo la partenza da Genova del 14 ottobre scorso, avvenuta nel contesto del 44° Salone Nautico Internazionale, il catamarano capitanato dal savonese Alfredo Guerrieri, ha raggiunto le canarie costeggiando la Francia e la Spagna. Le condizioni meteorologiche non hanno ostacolato più di tanto la navigazione e quindi il catamarano è giunto con un discreto anticipo a Lanzarote. Dalla località delle canarie partirà domani la RAC, Rubicon Antigua Challenge, una gara amichevole di traversata atlantica che vedrà protagonista anche l’imbarcazione di Andrea Stella. Al via sono previste una ventina di imbarcazioni che renderanno la navigazione di Stella e compagni più piacevole e stimolante (sul sito www.worldcruising.com sono disponibili le principali informazioni). Andrea Stella e Omar Papait saranno i primi disabili al mondo ad effettuare l’attraversamento dell’ocenano su un catamarano concepito e sviluppato per rendere tutti protagonisti.

A Lanzaraote le condizioni meteorologiche sono buone e per domani non sono previsti fenomeni atmosferici tali da ostacolare la partenza.
Il bilancio della prima tappa è stato molto positivo in quanto il catamarano si è ben comportato a fronte di condizioni di mare che raramente aveva affrontato soprattutto quando c’è stato il passaggio per il Golfo del Leone. Sono state tre le persone disabili che vi hanno preso parte, oltre ad Andrea Stella, e che si sono alternate nei vari tratti. Molta emozione è emersa dalle parole di Sandra Truccolo, campionessa parolimpica di tiro con l’arco che accompagnata dal suo compagno di vita Daniele Scarpa (campione olimpico di Canoa in coppia con Antonio Rossi) ha affermato di aver vissuto un’esperienza straordinaria. Sul catamarano è stato poi ospite (da Barcellona a Valencia) anche Paolo Annibaldi che oltre ad essere attualmente l’unico Sindaco d’Italia in carozzina è uno dei quattro chirurghi al mondo che operano nonostante la sua condizione di paraplegico. Anche per lui si è trattato di un’esperienza illuminante e decisamente educativa per far capire come una persona disabile possa sentirsi a proprio agio alla pari di tutte le altre se inserito in un giusto contesto. E proprio su questo tema si è incentrata la presenza di Angelo Toniolo, autore del diario di bordo nelle prime giornate, che ha poi effettuato le riprese ufficiali della traversata occupandosi anche della gestione delle telecomunicazioni. Anche per lui un’esperienza indimenticabile come per gli altri membri dell’equipaggio che hanno contribuito all’approdo alle canarie: Alfonso Sicignano, Paolo Forzano, Roberto Vezzaro e Margherita Pelaschier.

Sul sito www.lospiritodistella.it si può leggere il diario di bordo e vedere alcune foto della navigazione. Della prima tappa è stato un sicuro protagonista il navigatore Giovanni Soldini che ha accompagnato l’equipaggio per alcuni giorni dopo la partenza da Genova. Il testimone idealmente portato da Soldini passa adesso nelle mani di Mauro Pelaschier che farà parte dell’equipaggio che compierà la traversata, oltre al comandante Guerrieri, Andrea Stella accompagnato dalla moglie Lara, Margherita Pelaschier, Stefano Riva e Omar Papait. Quest’ultimo prenderà i compiti e le funzioni di Angelo Toniolo per documentare quanto accadrà a partire da sabato.
Va registrata purtroppo l’assenza di Paolo Bassani (prodiere di Luna Rossa) costretto al forfait dal riacutizzarsi di una lesione patita ad un piede nella primavera scorsa per il quale è stato necessario un ulteriore intervento chirurgico eseguito nelle scorse settimane.

La seconda tappa del progetto “Back to Usa” prevede l’approdo ad Antigua (Caraibi) attorno al 5 dicembre. L’imbarcazione sosterà poi alcuni giorni nella località caraibica per poi iniziare la tratta finale con destinazione Miami. Sul fronte USA si stanno attivando il Consolato italiano di Miami, l’Ambasciata italiana di New York e  le autorità della Florida per riservare ad Andrea e al suo equipaggio una calorosa accoglienza.