specchio d'acqua nella laguna venetaAutonoleggio accessibile: è questa la novità che ha messo a disposizione l’ASM di Venezia, prima in Italia nel settore pubblico.

Infatti, tra le auto che si possono noleggiare con il servizio Car Sharing dell’Azienda Servizi Mobilità (la municipalizzata di Venezia), ce ne sono due accessibili, altrettanti Fiat Doblò a benzina con pedana elettrica e apposite cinghie per bloccare le carrozzine nell’abitacolo.
I veicoli sono stati adattati con i fondi aziendali e con il contributo del progetto europeo Civitas Mobilis, del cui consorzio sia il Comune di Venezia che l’Asm fanno parte.
Car Sharing è un servizio di autonoleggio gestito dal circuito ICS (Iniziativa Car Sharing) in nove città italiane – Bologna, Firenze, Genova, Modena, Rimini, Roma, Torino e Milano, oltre a Venezia – per accedere al quale bisogna sottoscrivere, presso l’azienda di una delle città indicate, un abbonamento che prevede una quota associativa annuale di 50 euro. Con la medesima tessera si può inoltre chiedere, a pagamento, l’opzione per accedere al servizio anche nelle altre città.
Noleggiare un’automobile costa 2,75 euro all’ora e 40 centesimi per ogni chilometro percorso, benzina compresa.
Gli interessati al noleggio dell’auto accessibile dovranno iscriversi al servizio indicando l’opzione “trasporto disabili“. Le vetture verranno consegnate nel parcheggio interrato di Piazzale Candiani, in pieno centro-città a Mestre, e nell’autorimessa comunale di Piazzale Roma a Venezia. Dovranno poi essere riconsegnate nello stesso luogo.
Ai due Doblò accessibili sono legate anche altrettante agevolazioni: la possibilità di prenotarli anche 24 ore prima dell’utilizzo (mentre per le altre auto la prenotazione può avvenire al massimo 15 minuti prima) e un’agevolazione tariffaria per il fine settimana. Infatti, dalla mezzanotte del venerdì fino alla mezzanotte della domenica, per prenotazioni superiori alle 4 ore, viene offerta la tariffa forfettaria di 10 euro.

“La logica che ci ha portato a incorporare nel servizio anche delle auto accessibili nasce dalla volontà di non escludere nessuno e di poter rendere partecipi ai nostri servizi tutti i cittadini. Infatti l’ottica che ci porta a considerare la mobilità è che esistono “esigenze di spostamento” prima che tipologie di coloro che si spostano” afferma l’assessore veneziano alla Mobilità Enrico Mingardi.
In una zona ad alta densità turistica come la laguna veneziana, le richieste di trasporti accessibili sono molto alte e questa iniziativa è una nuova risposta che si affianca a quelle di recente offerte dai servizi pubblici, come il tram in costruzione e i nuovi vaporetti con sei posti riservati alle persone con difficoltà motorie.
Entusiasmo dimostra anche Giampaolo Lavezzo, consigliere nazionale della Fish (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che ha dichiarato: “In particolare mi sembra positivo che sia un’azienda municipalizzata a pensare alle persone con ridotta capacità motoria.  Il servizio è tanto più utile a Venezia, una città in cui parte della popolazione non possiede la macchina e a maggior ragione nemmeno una vettura attrezzata. Si tratta infatti di un’offerta interessante, ad un costo tutto sommato economico, anche per quei turisti che potranno così organizzare autonomamente gite nell’entroterra lagunare”.
Per informazioni: Call Center 848 810018; Asm, Santa Croce 365/b, 30135 Venezia, tel. 041 2727209, www.asmvenezia.it

Di Barbara Pianca

Fonte: Superando.it, Asm