La Giunta Regionale del Lazio, su proposta dell’assessorato alla Mobilità, ha destinato circa 10 milioni di euro alla manutenzione straordinaria e messa in sicurezza delle stazioni della linea concessa Roma – Lido di Ostia. Il finanziamento, proveniente dal Fondo Comune per il rinnovo degli impianti e del materiale rotabile, messo a disposizione dallo Stato per gli anni 2007 e 2008 e non ancora utilizzato, servirà ad elevare gli standard di qualità, confort e sicurezza degli utenti che utilizzano quotidianamente la ferrovia.
Nello specifico si procederà all’ammodernamento, alla riqualificazione e al potenziamento delle fermata Tor di Valle mediante la realizzazione del nuovo atrio, delle scale mobili e degli ascensori, delle pensiline e del nuovo sottopasso pubblico. Interventi anche alla stazione di Vitinia, dove si procederà al restauro dei locali di servizio sottostanti e al ripristino del sottopasso pubblico tra via Ostiense e via Copparo. Oltre ai lavori nelle singole stazioni, dove si procederà alla realizzazione di scale mobili, alla sistemazione della segnaletica e all’installazione di impianti di ventilazione, si provvederà sull’intera linea alla manutenzione straordinaria, alla rimozione dei graffiti ed alla riqualificazione biglietterie e delle cabine degli agenti di stazione.
Altri 14 milioni e mezzo di euro, provenienti dallo stesso fondo, sono stati impegnati dalla Giunta agli interventi di manutenzione straordinaria delle infrastrutture e del materiale rotabile delle ferrovie concesse Roma – Lido di Ostia, Roma – Giardinetti e Roma – Viterbo per il triennio 2009 – 2011.
“L’attenzione che la Regione Lazio e in particolare l’assessorato alla Mobilità pone alla manutenzione delle infrastrutture ferroviarie – ha dichiarato l’assessore alla Mobilità, Franco Dalia – è come sempre massima. I lavori che abbiamo programmato e quelli che abbiamo rimodulato serviranno ad elevare gli standard di qualità del servizio, senza ovviamente dimenticare la sicurezza. Cura del ferro non significa solo garantire spostamenti più veloci, ma anche più confortevoli e soprattutto più sicuri”.

Fonte: RegioneLazio, 2-10-09