automobileL’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile all’interno del proprio sito la nuova edizione della Guida alle Agevolazioni Fiscali per i disabili, aggiornata al giugno 2010. Il testo è scaricabile dal sito www.agenziaentrate.gov.it nella versione completa in formato pdf. I settori su cui si concentrano le novità sono essenzialmente due: l’abbattimento delle barriere architettoniche e le agevolazioni sul settore auto.

Per quanto riguarda il diritto alla mobilità senza barriere è stato prorogato  fino al 31 dicembre 2012 (nella precedente versione di parlava di 31 dicembre 2011) il termine entro il quale è possibile realizzare interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche usufruendo di una detrazione d’imposta del 36%. Parimenti è fissato al 31 dicembre 2012 anche il termine entro il quale è possibile fruire della detrazione dal’Irpef del 19% su spese di ristrutturazione edilizia, sempre volte all’eliminazione delle barriere architettoniche.

La novità di maggior rilievo contenuta nel nuovo testo riguarda la documentazione da presentare per ottenere le agevolazioni fiscali previste nell’ambito del settore auto e mobilità per disabili che hanno diritto alle agevolazioni su auto senza necessità di adattamenti.
Nella precedente versione:
- ai non vedenti era richiesto un certificato di attestazione della disabilità rilasciato da una Commissione medica pubblica;
- ai disabili psichici o mentali era richiesto il verbale di accertamento dell’handicap emesso dalla Commissione medica presso una Asl , dal quale risultasse che il soggetto si trova in situazione di handicap grave derivante da disabilità psichica, ai sensi della legge 104/92;
- ai disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione, o pluriamputati, era richiesto il verbale di accertamento dell’handicap emesso dalla Commissione medica presso una Asl , dal quale risultasse che il soggetto si trova in situazione di handicap grave derivante da patologie, ai sensi della legge 104/92.

In merito a tutto questo l’Agenzia delle Entrate ha emanato, in data 23 aprile 2010, la circolare numero 21, che ha fornito le seguenti precisazioni:
a) I portatori di handicap psichico o mentale, come previsto con le altre categorie di disabili, conservano il diritto di chiedere i benefici fiscali per l’acquisto di veicoli anche quando lo stato di handicap grave non è attestato dalla commissione medica ai sensi della legge 104/92 ma da una commissione medica pubblica preposta all’accertamento dello stato di invalidità. La dicitura che deve essere riportate nel certificato è “…con totale e permanente inabilità lavorativa e con necessità di assistenza continua, non essendo in grado di svolgere i normali atti quotidiani della vita”. Non può essere considerata idonea, invece, la certificazione che attesta genericamente che la persona è invalida.
b) I disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione, o pluriamputati, analogamente a quanto detto nel punto precedente, possono documentare lo stato di handicap grave mediante certificazione redatta da una commissione pubblica. Il certificato deve attestare specificamente “l’impossibilità a deambulare in modo autonomo o senza l’aiuto di un accompagnatore”.
c) Per le persone affette da sindrome di Down, rientranti nella categoria di portatori di handicap psichico e mentale, è ritenuta ugualmente valida la certificazione rilasciata dal proprio medico di base.
d) La possibilità di fruire delle agevolazioni fiscali per l’acquisto dell’auto non è preclusa nei casi in cui l’indennità di accompagnamento, comunque riconosciuta dalla commissione competente, sia sostituita da  altre forme di assistenza sanitaria.

Fonte: Disabili.com